Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan (2020) di Jason Woliner

gli USA votano un nuovo presidente, e come omaggiare un grande paese se non con borat e col suo dissacrante quanto portentoso affresco degli uniti stati della gloriosa nazione del Kazakistan

recensione di borat 2 di onironautaidiosincratico.blogspot.it


come sempre, prima della recensione una breve presentazione di ogni partecipante (nome, età, occupazione, piatto preferito, città)


eRica: 28, donna, studentessa, patate, catania 

Pietro: 31, uomo, studentepartimeincercadilavorofulltime, pizza con kebab, catania




Film esagerato, irriverente, surreale ma di un realismo agghiacciante.
La massima rappresentazione dello stile, estremamente divertente e satirico davvero, del buon Sasha: fa ridere, non sempre, non tanto, ma fa ridere, e soprattutto fa riflettere sulla condizione attuale (e non solo).
Si riesce a ridere sul serio, ma anche a riflettere su quanti problemi abbia il genere umano: le “regole comportamentali” dei protagonisti ci sembrano super esagerate, ma il dubbio che ci si possa credere davvero ci viene… perché di culture diverse dalla nostra ce ne sono tante… o comunque ci ricordiamo che di comportamenti, pensieri e tradizioni aberranti negli anni passati ne abbiamo avuti tanti.
Il problema è la mancanza di rispetto verso l'altrui cultura/idea: molti dei protagonisti/personaggi delle varie storie raccontate non dicono come la pensano, ma quanto gli "avversari" sbaglino.
Le reazioni dei vari personaggi rispecchia un po’ quelle di un ipotetico pubblico e sono infatti bene assortiti.
Non si sa bene cosa e quanto sia reale e cosa invece programmato, però è qualcosa di mostruosamente e violentemente agghiacciante (su tutti la scena con Giuliani è vergognevole e fa incazzare, per come un vecchio bavoso abbia tutto quel potere).
Mi è piaciuta molto la crescita della figlia, che va di pari passo con quella del rapporto con il padre: i cambiamenti sono esageratamente veloci, ma rimangono credibili all’interno di un film del genere, anzi, forse risultano proprio azzeccati non togliendo spazio con inutili fronzoli. Gli autori avranno fatto le loro scelte, ma resta il fatto che il film deve essere capito, almeno a qualche livello, o potrebbe risultare inutilmente esagerato, e anche quando capito, rimane molto particolare e decisamente non per tutti.
Un preciso e dettagliato racconto di questo tremendo e senza speranze anno.


il miglior trailer di sempre un'interessante analisi e disamina del film  

Commenti