Macabro (1980) di Lamberto Bava

Il figlio del Maestro Mario prova a seguire le orme paterne (come ha di recente annunciato la figlia di Argento), ma il risultato è imparagonabile a quello del padre, seppur comunque un prodotto discreto



Più thriller psicologico che horror vero e proprio, il film non dispiace, seppur leggendo il nome Bava (si sa che è il figlio) ci si aspetta qualcosina in più.
L'inizio è violentemente intenso, con la bambina, che scopriamo essere una vera stronza, che controlla la madre; l'incidente, che non è affatto male, ci spinge a pensare che di lì in poi il sangue scorrerà a fiumi, invece non è così. Una parte centrale come quella di questo film stroncherebbe qualsiasi cineamante, cineamatore, cinefilo, cineforo o cinefobo: è lenta, senza nessun tipo di evoluzione, la storia avanza quasi per inerzia, i personaggi non fanno niente, le scene si susseguono senza alcun significato. Gli ultimi 25/30 minuti poi, per fortuna, recuperano un pò, per arrivare poi al fotogramma finale che stupisce (positivamente o negativamente dipende dall'osservatore).
La sceneggiatura è affidata a Antonio e Pupi Avati, e si vede; la regia è totalmente di Lamberto (dopo aver fatto l'aiuto in Cannibal Holocaust, in Inferno e qualche altra pellicola simile). La regia non è il punto peggiore del film, le ambientazioni sono ben fatte e l'atmosfera creata nello spettatore è perfetta per il titolo dell'opera.
Banale la fotografia di Franco Delli Colli; insipida la colonna sonora di Ubaldo Continiello (niente rimane e niente emoziona, in nessun senso), ben fatti, seppur limitati, gli effetti speciali di Tonino Corridori e Angelo Mattei (l'incidente è un gioco di montaggio, l'unico effetto è quello della testa mozzata di Roberto Posse. 
Ottimi tutti gli attori: dal cieco incompreso e bistrattato Stanko Molnar, alla madre Bernice Stegers (appena uscita dalla città felliniana) adeguatamente sopra le righe. Veronica Zinny, la bambina, è inquietantemente azzeccata per il suo ruolo, perfetta!
Non si trovano le profonde e intense analisi della società e del cattolicesimo e di come entrambi vedano il sesso, come afferma invece lo stesso Bava in un'intervista; c'è si un ragazzo cieco, e una visione del sesso alquanto distorta, ma né cattolicesimo né società ne sono la causa, bensì la malattia e la pazzia della donna. 
Mario morirà pochi mesi dopo l'esordio del figlio dietro la macchina da presa, ognuno tragga le proprie conclusioni...




qui il film completo (;

Commenti

  1. ... ci credi che non ho mai visto un film di Bava?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se parliamo di Mario VERGOGNATI....se parliamo di Lamberto non preoccuparti...

      Elimina

Posta un commento

SCRIVI PURE: chiunque spara cazzate, perché non dovresti tu?

però ricorda, se devi offendere, fallo con stile!