rivisto ieri in dolce compagnia (la stessa che mi aveva consigliato di vederlo la prima volta e me l'aveva pure passato)





Film d'animazione (a me comunque piace chiamarli "cartoni animati", non vedendo nulla di male e/o offensivo in questa definizione), prodotto da Tim Burton, la cui mano è evidentemente evidente nelle inquadrature, nel modo di raccontare la storia e nella caratterizzazione dei personaggi.
La storia è ambientata in un ipotetico futuro della seconda guerra mondiale, dove il cattivo (che casualmente è un Cancelliere, con uno stemma nero su bianco, con sfondo rosso) sfrutta le invenzioni di uno scienziato in buona fede per distruggere tutto, solo che dopo le macchine si ribellano (hanno un "cervello" intelligente) e tutto va a puttane [la Macchina costruisce le alte macchine "a sua immagine", che questa sia una velata critica alla visione cristiana di Dio?]. I nostri eroi, che hanno per nomi i cardinali dei primi 9 numeri, forse per richiamo ai numeri assegnati agli ebrei nei campi di sterminio, devono salvare il mondo, e ci riescono quando capiscono da dove vengono e il loro creatore dà loro un obiettivo da raggiungere. 
Ambientazione quasi steampunk, disegni meravigliosi (i rosoni del tempio, tutti in mosaici di vetro colorati sono qualcosa di spettacolare), musiche poche, ma azzeccate, fotografia ai limiti della perfezione (in alcune scene vediamo quel che vede il soggetto, con l'otturatore che si apre e chiude davanti ai nostri occhi), l'unica pecca: le inquadrature non ci fanno quasi mai percepire le dimensioni reali dei protagonisti (rispetto ad un umano medio), ma forse è voluto. 
Ovviamente l'uscita è stata il 9/9/09, anche se in italia, o almeno nella mia zona, pur piena di cinema, non è arrivato in nessuna sala.
Film consigliato per tutti, sia per i bambini, anche se non è esattamente per loro, che per i grandi, che possono farci tutte le letture storico/politiche che vogliono.


Tagged: , , , , , , , ,

2 commenti :

  1. interessante (ma ormai avrai capito che a me TUTTI i film di animazione - o cartoni animati - piacciono e interessano. Lo ricordo cupo e un po' inquietante e disturbante, ma dovrei rivederlo per circostanziare queste sensazioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto cupo e abbondantemente inquietante: sono quei cartoni che un bambino deve vedere per capire cosa siano il male, la sofferenza, la cattiveria. Coi cartoni disney o dreamworks il cattivo è stereotipato ed esagerato, qui si vede e sente l'ansia, la paura, la tristezza, il timore di non farcela, il dolore per aver perso qualcuno di caro: molto potente.

      Elimina

SCRIVI PURE: chiunque spara cazzate, perché non dovresti tu?

però ricorda, se devi offendere, fallo con stile!