venerdì di dicembre, tra natale e capodanno, fuori c'è troppo freddo per stare in giro, nessuno degli amici ha casa libera, bisogna scegliere tra marypoppins in cucina coi parenti o rintanarsi nella propria stanza con poltrona, cuffie wireless e netflix (che, con sempre meno frequenza, dona anche ai propri abbonati film decenti, per non dire belli)
recensione di christine la macchina infernale di John Carpenter di onironautaidiosincratico
ci ricasco: martedì, cinema del centro, biglietto scontato: grave, gravissimo errore (in fila aspettando si scoprono gli aspetti peggiori delle persone peggiori)
recensione di massa di boehemian rhapsody di onironautaidiosincratico
visto una sera, solo, sul divano...sia perché ne parlano tutti bene, sia perché la stopmotion mi ha sempre affascinato, e LaicaStudios mi han sempre colpito con, in ordine rigorosamente casuale, prima Boxtrolls e poi Coraline...
recensione di paranorman di onironautaidiosincratico.blogspot.com
terzo episodio (che in realtà sarebbe il quarto se non avessi saltato il tesoro, che comunque nessuno ha voluto recensire) di questa sempre più intensa e pesante avventura del Cinestudio40
recensione di massa foxtrot cinestudio king catania
E questo mese le P-RE-censioni diventano maggiorenni: diciottesimo episodio, WOW: le opinioni prevenute, prima della visione, a volte anche prima del trailer tornano a far paura a nessuno, interessando a meno, e piacendo ad ancor meno. Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.

Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione
convinto e coinvolto da IMA e coinquilini (che non aveva neanche visto il primo) si va al cinema, di martedì sera, con biglietto scontato e sala piena fino allo spasmo di bimbiminkia rincoglioniti e 35enni trascinati da fidanzatine e sorelline ancor più rincoglioniti
recensione animali fantastici i crimini di Grindelwald onironautaidiosincratico.blogspot.it


secondo episodio della, si spera lunga, stagione di Cinestudio40

recensione di massa di still the water
come sempre, si inizia con una breve presentazione dei partecipanti, e poi le domande con le relative risposte  

nome, età, professione, cibo preferito

  • erica: 26, studentessa a tempo pieno, patate e cioccolato
  • pietro: 29, studentepartimeincercadilavorofulltime, pizza con kebab
  • mariachiara: 29, studente,frittata



1. riassumi la trama in 140 caratteri
p: due bambini sfigati si incontrano e si fanno compagnia nelle proprie vicendevoli sfighe
edalle disavventure di due famiglie nasce una storia d'amore tra due ragazzini
mc: Il film si apre con la fine di un tifone e il ritrovamento di un cadavere in mare. Dopo il tifone prende inizio la storia vera e propria: due ragazzi, Kaito e Kyoko affrontano la propria adolescenza e i propri problemi familiari in modo totalmente diverso. Il primo non riesce a proseguire serenamente il proprio percorso di crescita, geloso della madre ormai single e convinto che il cadavere ritrovato sia di uno dei suoi tanti amanti. La seconda, nonostante la malattia che sta uccidendo la propria madre, riesce ad affrontare la realtà perché sa guardare in faccia al dolore ma sa anche vivere intensamente le gioie.


2. la macchina a mano abbonda, è un bene o un male?
p: decisamente un male, fino a metà (arriverei a due terzi sotto l’effetto di qualche sostanza psicotropa) il film è sopportabile, anzi quell’instabilità data dalla macchina a mano lo rende quasi più “umano” o forse reale, ma ad un certo punto diventa nauseantemente nauseante
e: lcamera a mano l'ho trovata perfetta in alcune scene, dove permette una immedesimazione maggiore...peccato che in altre scene era fastidiosamente instabile. Direi che avrebbe potuto limitarne l'uso alle scene più importanti.
mc: non lo so, non ci ho fatto caso :(


3. i protagonisti della storia son la famiglia e l’amore?
p: il film è il districarsi (non sempre spiegato, né chiaro) del complesso rapporto tra i due protagonisti e le rispettive famiglie: problemi su problemi, che si ripercuoteranno, non senza effetti, anche sulla storia d’amore che lentamente si costruisce in maniera contorta
e: la famiglia è senza dubbio protagonista del film, l'amore in senso lato forse pure, ma data la giovane età dei protagonisti non parlerei di amore in senso classico... Grande protagonista è anche la morte e il senso che le si prova a dare.
mc: per me il protagonista assoluto della storia è l’oceano, onnipresente in quasi tutte le riprese e simbolo della vita. Il nuotare quindi diventa metafora del vivere: il ragazzo ha paura di gettarsi nell’oceano perché bloccato da tutti quei pericoli che vi vede. La ragazza si getta e si abbandona assaporando quel misto di gioia e pericolo che sono insiti nel mare-vita.

4. qual è la scena più forte, e perché? 
p: la morte della mamma di Kyoto: una straziante ed infinita scena di abbandono, che inizia con delle tinte leggere e quasi allegre, per poi finire, lentamente, ad ogni addormentamento/risveglio sempre peggio, sempre più in fondo, sempre più nell’oscurità dell’abbandono
e: senza ombra di dubbio la scena della morte della madre è la più incisiva: lentissima, piena di tradizione culturale (lontana dalla nostra), la musica che accompagna la scena è solo quella suonata e cantata dai presenti sulla scena, nessun artificio per enfatizzare la scena, che rimane così vera, realistica ed estremamente coinvolgente.
mc: è passata una settimana da quando ho visto il film ma direi che la scena più forte è quando il ragazzo si scontra apertamente con la madre. è uno scontro acceso e quasi violento, ma alla fine sarà lo scontro risolutivo e che permetterà al ragazzo di superare i propri conflitti e di compiere la propria crescita personale. In tal senso lo aiuterà anche il padre di Kyoko.

5. cast appropriato o avresti cambiato qualcuno?

p: tutti perfetti (se dicessi che tanto son tutti uguali sarei razzista, quindi non lo dico, ma lo penso), molto piatti, come storia del cinema giapponese vuole
e: tutti perfetti, tranne forse il padre del ragazzo, l'avrei cercato dall'aspetto un po' più adulto/grande/vecchio...
mc: a me sono piaciuti, in particolare la ragazza. i suoi occhi vivi e la sue espressività trasmettevano quella voglia di vivere/nuotare affrontando intensamente e senza riserve tutto ciò che la vita le riserva.


6. qual è il senso del film?
p: la morte come dolce fine, ma anche come inizio di un indefinito e ciclico ripetersi della storia, sempre la stessa, sempre molto molto simile a sé stessa
e: immagino che se ne possano trovare diversi, ma sicuramente invia un messaggio positivo allo spettatore: si può morire sereni e si può superare la morte di un proprio caro.
mc: Il senso del film per me è rappresentare la crescita personale di questi due adolescenti attraverso il rimando a tanti simboli che meglio spiegano l’essenza dei due ragazzi. Il mare è il simbolo più forte e pervasivo: solo il mare profondo e tumultuoso può evocare l’intensa energia della ragazza (ed anche della madre); allo stesso tempo quello stesso mare evoca l’angoscia del ragazzo che ne ha paura. Il mare, come la stessa ragazza spiega nel film, rappresenta anche il sesso. Quando il ragazzo supererà i suoi conflitti interiori infatti riuscirà anche a vivere serenamente la sua relazione con la ragazza. E poi emblematica anche l’uccisione della capra vissuta in maniera antitetica dai due ragazzi. è un film pieno di simboli e da rivedere per poter essere compreso meglio.








primo episodio della, si spera lunga, stagione di Cinestudio40, una bella rassegna fatta a Catania, da uno dei pochi cinema d’essai rimasti in italia, penso...
recensione di massa di sergio e sergei di onironautaidiosincratico



Anche questo mese le P-RE-censioni: opinioni prevenute, che si hanno prima della visione, a volte anche prima del trailer (bastano regista e cast); contano solo le impressioni, le opinioni e tutto ciò che a pelle riusciamo a sentire. Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.

Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione
il lunedìfilm continua a macinare robaccia, senza andare a recuperare roba veramente interessante dal passato si prova a vedere cosa i Manettibros han saputo trarre fuori dal musicarello napoletano; le aspettative erano davvero davvero basse...
recensione di ammore e malavita dei fratelli manetti di onironautaidiosincratico.blogspot.it
visto grazie a EthanP, che poi si offende altrimenti; su netflix c'è anche roba decente, ogni tanto, in mezzo al mare di melma tutta uguale che si trova e che l'app stessa ti consiglia
recensione final space di onironautaidiosincratico.blogspot.it
per la seconda settimana di fila il #lunedìfilm si è imprevedibilmente svolto, stavolta dopo una comune cena a base di piadine, rivolgendosi ad oriente, per godere del cinema del sol levante...
recensione sonatine di takeshi kitano, di onironautaidiosincratico.blogspot.com
 Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.

Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione
più polemiche che recensioni e, citando Bilboil 90% di chi parla non l'ha visto, il 90% di chi l'ha visto non l'ha capito, il 90% di chi l'ha capito è rimasto della sua opinione senza cambiarla in alcun modo, basata esclusivamente sui propri pregiudizi
recensione sulla mia pelle, film sulla morte di stefano cucchi, di onironautaidiosincratico.blogspot.com
finalmente il lunedìfilm è riuscito ad avere una sua tappa, accompagnata da zuppa di legumi e vellutata di zucca,patate e carote con crema di gorgonzola, crostini di pane al sesamo e alla fine salame turco e zibibbo... 
recensione di massa solaris onironautaidiosincratico.blogspot.com
pompata a manetta da Netflix (come tutta la merda che produce, senza distinzione alcuna), con scritto a lettere cubitali "DALLO STESSO CREATORE DEI SIMPSON E FUTURAMA"... recensione disincanto onironautaidiosincratico.blogspot.com
visto al cinema (penso che sia questo il luogo del Cinema), ma per pigrizia e disorganizzazione l'ho dovuto vedere in un multisala, e non è stato per niente piacevole, ma per il Misischia questo e altro...
Il commento delle teenagers davanti a me ha reso tutta la visione migliore e più chiara (una diceva all'altra "eh ma ora che ha sparato tutti i colpi...se prova a sparare di nuovo non potrà farlo" oppure "ma tanto alla fine gli si scaricherà il telefono, magari durante l'intervallo gli portiamo un powerbank?"); se ne sono andate pure dieci minuti prima della fine, che possano morire soffrendo.
recensione the end di daniele misischia di onironautaidiosincratico.blogspot.it
Anche questo mese, con un piccoliiiiissimo ritardo, le P-RE-censioni: opinioni prevenute, che si hanno prima della visione, a volte anche prima del trailer (bastano regista e cast); contano solo le impressioni, le opinioni e tutto ciò che a pelle riusciamo a sentire. Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.

Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione
visto per "colpa" di Ethanp, che non legge più, non commenta più...ma vabbè, lavoro e distanza non aiutano (e comunque non è che prima commentasse così tanto…)
recensione la parola ai giurati di onironautaidiosincratico.blogspot.it
visto su un aereo ryanair per berlino, nel posto più sfigato del mondo, con accanto pure un vecchio che non conosce(va) esattamente il funzionamento del sapone e dell'acqua corrente
recensione arance&martello di Zoro di onironautaidiosincratico.blogspot.com>
<hr class=
dopo aver visto Split, e col trailer di Glass che viene spammato su qualsiasi gruppo facebook di cinefili e sulla bacheca di qualsiasi cinefilo (un giorno farò un post su questa categoria pessima che c'è ultimamente in giro sul uebbe)
recensione ubreakable di onironautaidiosincratico.blogspot.com
l'estate, si sa, è un periodo un pò moribondante per il cinema: c'è caldo, si preferisce stare al mare, andare alle arene (per chi ha la fortuna di averne vicino) e in sala rimangono i film sfigatelli...
Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni. Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti... cosa fare con la tua opinione
puntata diciassette, ultima, conclusiva di questa storia ma di certo non di #mduer, che potrebbe tornare in futuro sotto altre forme..memorie di un elefante rosa, episodio quindici 
mi sa che ci siamo davvero...manca una settimana e questa sezione sarà utile a ricordare solamente...memorie di un elefante rosa, episodio quindici 
terzultimo capitolo...e, per pura coincidenza, mancano 15 giorni al viaggetto verso berlino...memorie di un elefante rosa, episodio quindici 
le arene sono la salvezza per chi, come me, durante l'anno convenzionale, diserta le sale...in più il fascino del cinema all'aperto e degli 'nciminati (grissini arrotolati tipo pretzel e coperti di semi di sesamo) è impareggiabile

recensione tre manifesti a ebbing onironautaidiosincratico
ci siamo quasi....son gli ultimi capitoli questi...memorie di un elefante rosa, episodio quartoddici 
Anche questo mese, nonostante la scarsezza di film in sala, le P-RE-censioni: opinioni prevenute, che si hanno prima della visione, a volte anche prima del trailer. Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.

Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione
il tredici è vero che porta sfiga, infatti ci abbiam messo due settimane per fare il post di una sola settimana...memorie di un elefante rosa, episodio tredici 
temevamo di non avere nulla da dire questa settimana, e invece...
memorie di un elefante rosa, episodio DDDODICI
consigliato da un amico torinese, col quale solitamente condividiamo i gusti di quasi tutto, quindi mi son fidato...
recensione lo sciacallo onironautaidiosincratico.blogspot.it
undicesima puntata, 84 giorni (16 giorni in realtà dall'ultima volta), -49 giorni al ritorno...
memorie di un elefante rosa - episodio undici
Anche questo mese le P-RE-censioni: opinioni prevenute, che si hanno prima della visione, a volte anche prima del trailer (bastano regista e cast); contano solo le impressioni, le opinioni e tutto ciò che a pelle riusciamo a sentire. Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.

Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione
e ci siamo: doppia cifra...non credevo avremmo retto così tanto...

memorie di un elefante rosa - episodio dieci
nuovi saluti, nuovi distacchi, dopo 5 giorni, 35km, due stati visitati, 3 città, un letto scomodo...

partecipo con immenso onore e con un peso di responsabilità non indifferente all'iniziativa del buon Saverio su Obsidian Mirror (invito tutti a visitare il sito e controllare lo stato dello speciale, come tutti gli altri, pieno di tanta roba interessanterrima). Partendo dal tema dello speciale, ovvero quello del rapporto tra piacere e dolore non ho potuto che cogliere la palla virtuale al balzo e buttarmi sull'impero di Ōshima..
recensione l'impero dei sensi onironautaidiosincratico.blogspot.com
finalmente ci si riunisce...

una sera di primavera, col freddo che avanza, o è caldo? con l’inverno che va via, finalmente, o forse no...in diretta (in realtà in differita di qualche minuto) con Berlino, anzi Potsdam; quindi questa è una minirecensione di massa, anzi una recensione di minimassa…
 e siamo a 7, come i colori dell'arcobaleno o come le note, oltre ad essere il più piccolo naturale ad avere il cubo palindromo (343) cosa che interesserà a moltissimi dei già moltissimi lettori...
memoriediunelefanterosa è orgogliosamente presentato da onironautaidiosincratico.blogspot.com
Netflix, oltre a serie di dubbio gusto, è capace di offrire anche buoni prodotti, prevalentemente e specialmente se non prodotti da lei…

il ragazzo invisibile recensione onironautaidiosincratico.blogspot.it
è la puntata numero sei, anche se avrebbe dovuto essere la otto...ma voi non lo dite a nessuno..
Anche questo mese le P-RE-censioni: opinioni prevenute, che si hanno prima della visione, a volte anche prima del trailer (bastano regista e cast); contano solo le impressioni, le opinioni e tutto ciò che a pelle riusciamo a sentire. Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.

Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione

si torna con le avventure del giovane elefante rosa con due piedi a Potsdam e due a Catania....alla sua quinta puntata

e siamo alla quarta puntata, per un totale di 21 giorni, neanche un mese, ma già circa il 13%, poco più di un ottavo...


visto in un sabato sera milanese, su un divano che è stato praticamente la mia casa per tre giorni, e che quel pomeriggio mi aveva visto calcarlo tra lancinanti dolori dovuti ad una leggera dissenteria, con annessa visione dei colpi truffautiani...
recensione annientamento di netflix onironautaidiosincratico.blogspot.com
Anche questo mese, nonostante tanti impegni, tante cose da fare, tanti viaggi, tanti film visti, ci son state poche recensioni (pare brutto dire nessuna), quindi, a parte la nascita di #MDUER, si passa da una P-RE-censione all'altra. 

Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.
Al prossimo mese (probabilmente)!nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione
three is the magic number: come diceva qualcuno
alla fine di una tre giorni no-stop di discussioni sul cinema con cinefili e cinepatici presso il BuioInSala si è deciso di andare a vedere un film al cinema, visto che il palloncinico rigurgito ci aveva fatto saltare quello del sabato...alla fine si opta per Akin al PostModernissimo, un graziosissimo cinema multisala (ma di quelli belli, non quelle vaccate da centro commerciale, quelli piccoli, dove trovi un libro sul bancone del bar, e una ragazza dietro che di cinema ne capisce, con la quale si può pure scambiare una parola sul film da vedere o su quello appena visto) in pieno centro a Perugia, in fondo alla via della Viola, un tempo capitale europea della droga, oggi costellata da microaziende portate avanti da giovani volenterosi; unico appunto lo schermo un pelo macchiato in un angolo, con un alone che faceva immaginare che qualcuno ci avesse lanciato contro una bibita durante la visione di un brutto film...
recensione OLTRE LA NOTTE onironautaidiosincratico.blogspot.com
si ritorna sulle memorie dell'elefante rosa, che ha due zampe a Potsdam, una a Milano una a Torino e la proboscide a Perugia....
il Leone di Oscar e l'Orso di David che stanno sul Globe sotto la Palma del BAFTA è lieto di presentarvi "memorie di un elefante rosa" la nuova emozionante rubrica nata dal bisogno di condividere col mondo intero le emozionanti storie di una coppia separata da un erasmus di qualche mese; l'idea è quella di narrare l'evolversi di due vite parallele, con la speranza che possa diventare qualcosa di più, magari un diario di coppia, magari una sorta di gratuita terapia dove i sentimenti più reconditi e vergognevoli vengono fuori con naturalezza sui pixel di uno schermo; lui rimasto a casa a vivere la sua quotidiana noia, lei partita con un piccolo infortunio, ma pronta a recuperare il tempo perduto non appena il suo maledetto polpaccio sarà pronto a riprendere la totale funzionalità; la fiction-reality sui vostri schermi sarà frutto solo delle personalissime esperienze dei due autori, con riferimenti a persone e fatti realmente esistiti, influenzato dalle emozioni e dalle sensazioni: un grumo informe di sentimenti appallottolati in una crisalide che speriamo possano divenire una dolce farfalla che accompagni le vostre letture virtuali...




Anche questo mese le P-RE-censioni: opinioni prevenute, che si hanno prima della visione, a volte anche prima del trailer (bastano regista e cast); contano solo le impressioni, le opinioni e tutto ciò che a pelle riusciamo a sentire. Come sempre viene fornita anche una brevissima guida sulle modalità di utilizzo delle vostre opinioni.

Al prossimo mese (probabilmente)!
nelle puntate precedenti..." cosa fare con la tua opinione