visto in BLU-RAY-DISC, il primo della mia carriera cinefilo...



Fare le recensioni è come fare l'amore: in più si è e meglio è (dopo averlo recensito anche qui).
 



Prima delle risposte una brevissima, sintetica e minuscola presentazione di ogni partecipante a questa recensione di massa, fatta di nome, età, professione e cibo preferito:

Sarah
: 18, donna, studentessa presso l'Accademia di Belle Arti di Catania, cotolette di melenzane

Enrico: 22, uomo, studente,  zuppa di legumi
eRica: 22, donna, parrucchiera, patate
Donata: 27, donna, scaloppine ai funghi, organizzatrice e alla perenne ricerca
Pietro
: 25, uomo, studentepartimeincercadilavorofulltime, pizza con kebab

stavolta niente recensione: solo due amici che parlano (su skype) mentre godono insieme di un film trovato dallo svedegio (scoprirete solo alla fine grazie a cosa), e visto in simultanea pendicidellEtna-svedegia




e poi ti trovi a casa...di sabato...fuori piove...finalmente è arrivato l'autunno, dopo la mai veramente arrivata estate...e sei indeciso, vorresti leggere, vorresti fare qualcosa di produttivo per la tua vita sociale, accademica, sportiva, emozionale o qualsiasi altra cosa...e invece ti ritrovi a guardare Godzilla di 




e poi ti ritrovi ad halloween, da amici, dopo aver scaricato una lista infinita di film (dal trash all'horror più spietato) a dover vedere certi filmacci, che di film hanno poco, di cinema meno, e di horror non han mai neanche sentito parlare





partecipo con piacere all'iniziativa Ghost of Halloween, la pellicola che ho scelto è The Ring, coadiuvato nella scelta dal mio regista, nonché fonte di ispirazione per la scelta degli horror (che non sono riuscito mai, per mia colpa, ad apprezzare abbastanza)


stai male, sei a casa, vuoi guardare un film, ma niente di impegnativo....beh, la prossima volta guardo Berlin Alexanderplatz


prima o poi dovevo pur iniziarla la filmografia del maestro di Ota: ho deciso di iniziarla una notte di ottobre del 2014, con ancora un pò d'influenza addosso a farmi compagnia...


visto una notte insieme al gruppo di Cinema giapponese....grazie a mymovieslive, e all'Armellini nazionale (qui la sua recensione, di certo migliore della mia)



film visto in visione di gruppo: streaming il-legale e chat, commenti live e tanto divertimento (qualche commento magari l'ho rubato ai miei compagni di visione). Torna la recensione per punti:




ho proposto a chiunque di collaborare con me all'edizione di questo cumulo di pensieri, parole opere e omissioni che escono dalla mia testa, con la pubblicazione di altri usciti da altre teste...la terza ad accollarsi questa bella iniziativa del...blog è stata Federica, collega admin di una pagina di cinema su facebook e collega anche di sproloqui sul cinema e non solo



aggiungo con piacere un nuovo post alla "rubrica" : I GUSTI VOSTRI...ho proposto a chiunque di collaborare con me all'edizione di questo cumulo di pensieri, parole opere e omissioni che escono dalla mia testa, con la pubblicazione di altri usciti da altre teste...il secondo a decidere di collaborare è stato Gaetano, Taniddu per gli amici, mio regista, capo di edizione, supervisore nel montaggio dei nostri sproloqui in forma di video, sceneggiatore, nonché amico carissimo e fidato consigliatore/spacciatore di film


oggi niente film, né belli né brutti, e neanche serie tv, oggi un po' di CAZZIMIEI, alla fine è un blog, è il mio blog e ci faccio ciò che mi pare; oggi faccio il cantastorie, o forse sarebbe meglio dire il cacastorie, perché la butterò qui come viene, senza bozze o sistemazioni, come viene viene CDC:




Prima delle risposte (come sempre) una brevissima, sintetica e minuscola presentazione di ognuno:

Erica: 21, donna, studentessa, patate
Turi: 62, uomo, insegnante, bistecche
Fabrizio: 24, uomo, studente, pasta
John: 25, studente, bistecche con salsa BBQ
Pietro: 25, uomo, studentelavoratorepartime, pizza con kebab





non ringrazierò mai abbastanza le arene estive, che mi permettono di recuperare certe succose pellicole di cui ho smarrito la visione sul grandeschermo durante l'inverno....


visto su consiglio di IMA (posso continuare a darle ascolto, cinematograficamente parlando, e non solo)...si torna al nuovo metodo di recensione, che d'ora in poi sarà l'unico, dopo Flight e Room237


non ce la faccio a risistemare tutto, troppo spaventoso il documentario, inquietante e violento...quindi vi metto tutto come l'ho scritto, sperando di manifestare e trasmettere i miei sentimenti durante la visione



il titolo di bergmaniana memoria mi ha tradito...


Primo film Asylum visto, di notte, """"grazie"""" ad un amico che mi ha invitato ad una chat multipla dove si commentava




Ringrazio la Luckyred per la riedizione alla festa del cinema e per il ridoppiaggio, e ringrazio pure il cinema Musmeci per averlo programmato ed avermi permesso di vederlo al cinema.




recuperato, con un giorno di ritardo, Woody, di Robert Weide, dalla programmazione streaming de "Il buio in sala"...





psssss se volete unirvi c'è pure il gruppo facebook 






meno male che ci sono le arene estive che permettono di recuperare le visioni mancate durante l'anno... 



afoso pomeriggio di mezza estate, noia abbestia, e allora....ARGENTO!





per chi se lo fosse perso, e per chi non gliene fregasse nulla farò qui un piccolo riepilogo di tutto il Taormina Film Festival di quest'anno: con tutti i miei articoli sul blog, quelli su CtZen e pure tutte le foto





per conoscere una cinefila bisogna incontrarsi dentro una sala, se poi fa parte di una coppia di cinefili, e bisogna fare un'uscita a 4, la sala è LA soluzione



Stravince Virzì, ma Pif manco buffunìa...





Finale in sordina, solo due masterclass, entrambe a condite con una salsa politica, e la premiazione finale (saltata a piè pari).




Il venerdì, penultimo giorno del Festival, è dedicato alla comicità e all'eleganza: Picone e Ficarra, Paz Vega, e la sera film su Chavez, ma non il comandante venezuelano, bensì il sindacalista americano. Ah si, c'erano pure Cristiana Capotondi e Alessandro Genovesi.




Due grandi attori americani, due italiani e un film francese. Sembra l'inizio di una barzelletta squallida e invece è il riassunto della sesta giornata al Taormina Film Fest 2014.



Il quinto giorno (dovrebbe essere quello degli animali marini e degli uccelli) è pieno di impegni: un film, un incontro e tre masterclass.




Martedì 17 non porta sfiga per nessuna religione o cultura, quindi si può procedere comodamente senza problemi morali o paure di alcun tipo




Il lunedì non è poi tanto fiacco, anzi, al Taormina Film Festival c'è da divertirsi: masterclass con Pamela Anderson, documentario su Vincent Vincenzo Schiavelli, poi due film della sezione Focus Argentina.






e fu sera e fu mattina...secondo giorno



primo film visto al #Tao_FilmFest..in ANTEPRIMA



accreditato al TaoFest 2014 (so che l'accredito lo danno a cani e porci, ma averlo fa comunque piacere) mi dirigo in quel di Taormina per affrontare la kermesse sessantenne con abbondante giuoia e con un pò di timore reverenziale che questo evento significa...






Recensione scritta a 4 mani, con IMA, dopo una visione in sala di martedì con un sacco di gente (mi fa piacere che nel mio paesello sperduto, un'iniziativa come quella del mio cinema preferito di fare biglietti scontati lunedì e martedì stia funzionando così bene, mi fa piacere per loro e per il Cinema in generale) 
Questa recensione, più che una recensione, è una chiacchierata, un dialogo, sul film, e come una conversazione su qualsiasi social o app metà sta di qua e metà di là...non ci saranno nomi, solo l'alternarsi dei pensieri e delle riflessioni



visto con Ima, rimasta sconvolta dal nonsense del film, anche se dopo Wrong credevo niente potesse sconvolgerla... 




non c'è (uno e) due senza tre...a voi il terzo episodio di questa mai-richiesta rubrica




e andiamoci al cinema, lo stesso giorno della visione di Her, prima di quello, alle 6 del pomeriggio per evitare il fastidiosissimo 3D (scoprendo che già Alfred per dial M for murder lo aveva già usato, e poi abbandonato, fa capire la grande novità di tale tecnologia). 




in un solo giorno quasi 5 ore di visioni, prima Noah (rigorosamente senza gli occhialini del cazzo) e poi Her, entrambi a prezzo ridotto, entrambi da vedere, ma solo questo da recensire, in massa!





IMA mi ha "costretto" (le virgolette sono solo per essere politicamente corretto) ad andare al cinema, pagare un biglietto e vedere questo film...non essendo in grado di fare una recensione da solo ho "coinvolto" (vedi sopra) alcuni amici e una blogger per buttare giù qualche parola sulla pellicola





visto al "aspettando Zummit" al casale Papandrea, organizzato dai ragazzi di Mentelocale...
non li ringrazierò mai abbastanza



Libro regalatomi per il mio compleanno, da una persona speciale, e letto con calma, senza fretta, senza volerlo consumare subito, ma pretendendo di gustarlo fino in fondo, come con una buona mousse coperta da una specchiante glassa, ne puoi sempre ordinare un'altra, ma la prima va assaporata fino in fondo, lentamente...

Condivido in parte il pensiero di Peter Travers sul Rolling Stone: "Non abbastanza Loki. Troppi effetti 3D di cattivo gusto."; questa fase 2 inizia, per me almeno, con una delusione.


sabato sera, a casa, a provare e montare, più provare che montare, dopo due birre e tre arancini di Serafino la scelta è stata tra un horror e questo; si è scelto questo perché 
"dura poco! fico mettilo!!"


pensieri per la scelta del film: Colin sta simpatico, Woody di più, il titolo non è male, la locandina è fiqua, vediamolo!!!

libro letto "su commissione" di una cara amica, che fin ora mi ha sempre spacciato ottimi libri, fin ora...


da piccolo avevo (ed ho tutt'ora) una scatola piena di questi meravigliosi mattoncini; con l'arrivo di internet e di metacafè iniziai a vedere qualche video fatto da gente folle, che riusciva ad animare quei pupazzetti che tante avventure mi avevano regalato; ci provai anch'io, con pessimi risultati, ma con interi pomeriggi di divertimento, solo e in compagnia. Adesso arriva sugli schermi la produzione da $60.000.000. Per me orgasmo allo stato solido (a forma di mattoncino). 


stanotte ci sono gli Oscar, beh, e chi se ne fotte, io preferisco guardare un bel film e recensirlo...a voi... 



Visto con gli amici, di cui metà addormentati (alcuni a pochi minuti dalla fine dei titoli di testa, alcuni a metà), e uno che sapeva tutte le battute a memoria e le ripeteva sottovoce ridendo.