ho letto più volte "da i produttori di Twilight" e ho pensato: "magari non è così male, magari fai una merda per fare soldi e poi torni a fare cinema" invece...




Tratto dall'omonimo libro di Isaac Marion (devo imparare che se ci sono film e libro, si deve abbandonare il film, per leggere ESCLUSIVAMENTE il libro), è un'insulto a tutto ciò che il cinema zombie ci ha dato fin ora. 
 Titoli di testa osannati da tanti ma non mi hanno stupito affatto, tranne la "carrellata" per passare tra i due personaggi (tutta in CGI), poi 7 minuti di rosa shocking con le goccioline, come a dire: "si è un film di zombie, ma c'è la storia d'ammore", frantuma le palle degli occhi.
ovviamente lei non crede a lui quando gli dice "non sicuro" e prova a scappare, ennesima prova che le donne non ascoltano gli uomini, neanche zombie (la salva due volte, ma niente).
Lei ricorda una Kristen Stewart, però un pò più espressiva, e non credo sia un caso che somigli alla cagna-vampira...
Se all'inizio R ci dice che gli mancano le sensazioni, come fa, poco dopo e durante tutto il film, a descrivercele con dovizia di particolari? La trasformazione/rinascita, è quasi impercettibile, e nessuno se ne turba, nè R nè Julie: R inizia a parlare, ad esprimersi più chiaramente, a muoversi più velocemente, ma nessuno sembra accorgersene. L'idea non è male, la realizzazione, a livello di sceneggiatura, poteva esser fatta meglio (se gli zombie sono capaci di correre, perché non lo fanno quando devono scappare dagli ossuti?) , ma non dispiace comunque, fa ribrezzo. Ok fare un film di zombie per ragazzine, ma così è solo un film per ragazzine. Gli zombie alla fine sono solo diversi dai noi, bisogna accettarli come negri, ebrei, gay, messicani o leghisti, vanno solo accettati per quel che sono (a parte che questi zombie non sono zombie, sono emotristi che sono riusciti nel loro intento, gli zombie, quelli veri, sono altri), purtroppo si vede la mano de "gli stessi produttori di Twilight", mancava solo che sbrillucicasse un po R ed era "Twilight zombie". Malkovich, che serve solo per portare qualcuno che capisce un pò di cinema nella sala, ha un ruolo inutile, banale, scontato e stereotipato.
Il regista ha fatto delle cose carine (Fà la cosa sbagliata - 50e50), quindi non si capisce perché questa merdata, forse costretto dagli "stessi produttori di Twiglight, o forse per un calo delle sue capacità registiche, aspettiamo il prossimo, sperando sia un ritorno a ciò che di carino ci aveva saputo dare. La scena clou è di giorno o di notte? non si capisce...loro si "tuffano" in pieno giorno? ma un attimo prima era notte fonda? La scena poi della BMW non l'ho capita affatto, non capisco cosa c'entri, e non capisco a cosa sia utile, soprattutto la parte quando è lui a guidare. Lei potrebbe scappare con la macchina e non lo fa, sarebbe potuta scappare quando lui la trascina per portarla all'aeroporto e non lo fa, ma perché, PERCHEEEE?!?!?!
La citazione "si ricorda che la zona bianca è riserva all'imbarco e allo sbarco dei passeggeri" è una chicca raffinatissima, come il dvd di Zombie di Fulci; meno raffinata quella a Roy Orbinson. Critica alla società nella quale viviamo, zombie già a causa dei cellulari e della tecnologia (banale quanto inefficace). Il muro che crolla ricorda, vagamente, qualche altro muro che è crollato, grazie all'amore e agli americani, ma credo sia azzardato far paragoni, anche se credo che l'intento fosse proprio quello, purtroppo. Da qualche parte si legge che sia una parodia di Romeo e Giulietta ( lui è R, lei Julie, l'amico M, come Mercuzio), ma dire una cosa del genere è come dire che la merda è cioccolattosa visto il suo colore e la sua consistenza.
Sconsigliato, mi spiace aver solo perso tempo a vederlo.



Tagged: , , , , , , ,

6 commenti :

  1. Devo completare l'opera. Dopo aver disintegrato tutti i capitoli di Twilight (sì, cazzo, me li son dovuti guardare dal primo all'ultimo...) ora tocca a questa porcheria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io twiglight non ho avuto la forza di guardarli, né leggerli, e per fortuna la mia zita non è fissata neanche minimamente coi vampiri sbrilluccichini, anzi li odia quanto me (anche per questo l'amo) quindi non li ho visti e non li vedrò, come non ho visto e non vedrò cinepanettoni e simili :D qui speravo di trovare un minimo di qualità, o almeno delle buone idee portate decentemente su pellicola (le idee buone, di base, ci sono, ma sono trasferite su pellicola tramite l'ano)

      Elimina
  2. BOh, per me sei stato troppo cattivone buuhh. Alla fine è un filmetto, e a me ha intrattenuto. Ci ho trovato molto di quello che dice Laszlo nel suo video, in questa tua recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono partito sfiduciato da "dai produttori di Twiglight", però ho detto "vabbè...diamogliela un'opportunità a questi poveracci che magari..." invece niente...la recensione di Victorlaszlo mi ha trovato moooooooolto d'accordo (e tante cose le pensavo durante la visione del film). Anche a me ha intrattenuto, solo che credo che dal cinema potremmo chiedere qualcosina in più: non dico una lezione di filosofia o sociologia ad ogni pellicola, ma qualcosina in più questo film poteva darla (considerando anche che partiva con un'idea innovativa e davvero interessante). Un pregio, lo dico qui sopra, e lo dice pure il buon Frusciante in un suo video, è l'essere veicolo, per i bimbiminkia di oggi e dei prossimi anni, per arrivare a film come Zombie2, o come altri...comunque rende possibile ad un bambino avvicinarsi al genere zombie (o simili) senza partire con una mattonata filmica o con film comunque più pesanti come possono essere quelli di Romero, Fulci, Boyle, Raimi, Zombie, Dahan e Rocher, Gordon, Yuzna etc etc...
      Come film rimane, a mio avviso, ottima l'idea, ma pessima la realizzazione; idem per gli attori, compreso un John Malkovich, che mi pare si sia venduto...

      Elimina
  3. Ti dirò, non mi è dispiaciuto. Film ai limiti dell'inutile, ma almeno è ben diretto e non si prende sul serio. Si dimentica subito ma si può dire che in giro c'è molto peggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente saranno state le mie aspettative troppo alte, però mi ha deluso particolarmente, ma comunque, come dici tu, è ben fatto e non si prende sul serio...e ricordiamo che al peggio non c'è mai fine!

      Elimina

SCRIVI PURE: chiunque spara cazzate, perché non dovresti tu?

però ricorda, se devi offendere, fallo con stile!