consigliato da un carissimo amico...visto in una fresca notte d'estate...




rivisto con gli amici, di notte, al buio, dopo una cena leggerina a base di hamburger, anelli di cipolla fritti, pane al sesamo fatto in casa, lattuga e pomodoro...non so se i sussulti erano solo di paura o anche di cattiva digestione...


aggiungo con piacere una nuova "rubrica" a questo blog: I GUSTI VOSTRI...ho proposto a chiunque di collaborare con me all'edizione di questo cumulo di pensieri, parole opere e omissioni che escono dalla mia testa, con la pubblicazione di altri usciti da altre teste...la prima, e fin ora unica, a decidere di collaborare è stata Erica (compagna che mi sopporta non solo in questo viaggio ma anche nella vita di tutti i giorni) a voi la sua recensione




ho letto più volte "da i produttori di Twilight" e ho pensato: "magari non è così male, magari fai una merda per fare soldi e poi torni a fare cinema" invece...


questo non è un blog sul cinema, è PREVALENTEMENTE un blog sul cinema...il titolo è chiaro: onironauta è chi viaggia dentro i sogni, chi è capace di gestirli e controllarli...e quello di cui vi voglio parlare è un viaggio...un viaggio fatto Pianissimo





dopo aver visto il quarto e il terzo, ho dovuto vedere il secondo capitolo della saga raimiana de "La casa" (tutto rigorosamente in ordine anti-cronologico).




inutile recensirlo, metto solo qualche dato e, in fondo, il making of...l'unica cosa che posso dire è GUARDATELO




visto con troppe aspettative mi sa, forse, anzi sicuramente, per l'estremo rispetto e amore che provo per il regista protagonista di questa pellicola





consigliatomi da un amico stoccolmese d'adozione...so che di lui posso fidarmi, cinematograficamente parlando, e l'ho scaricato...e ho fatto bene...